Archivi tag: giornalismo

Monti: tesserino giornalisti in omaggio

Il tesserino di giornalisti, per alcuni, diventa un regalo. Per molti già lo è stato, ma nessuno mai aveva avuto la sfacciataggine di regalarlo in diretta tv. Quel tesserino si riceve secondo le modalità stabilite dalla legge (che evidentemente non è uguale per tutti) e non si dona per accattivarsi le simpatie di un potente che crede nel liberismo e vuole abolire gli ordini professionali. La solita Italia dei leccac… complimenti, presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti (ovvero il donatore): lei sì che è un esempio di grande professionalità, onestà intellettuale e indipendenza dal potere!

3 commenti

Archiviato in freelance, giornalismo, politica

Lo sviluppo (come organizzare un articolo)

A volte capita di una storia vera ed esclamare: “Sembra un film! Sembra un romanzo! Sembra una telenovela!”
Il motivo di tanto stupore risiede nell’inaspettata somiglianza … (continua a leggere).


Corsi online di Scrittura Giornalistica: non perdere l’occasione!

https://goo.gl/forms/LGUvVMtE0msYwkGN2

Il corso ha un livello introduttivo ed è rivolto a chiunque abbia voglia di affacciarsi al mondo del giornalismo in modo pratico. Le nozioni teoriche saranno appena accennate e mantenute entro i limiti essenziali per lo svolgimento degli esercizi di scrittura. Alla fine del corso, se tutti gli esercizi saranno stati completati, verrà rilasciata una lettera di partecipazione.

Non dimenticare di visitare anche http://pennetulipani.blogspot.com/

6 commenti

Archiviato in freelance, giornalismo, scrittura

L’attacco o lead (organizzare un articolo)

L’inizio del pezzo, noto anche come “lead”, destinato un periodico mensile non obbedisce alla regola secondo cui il primo paragrafo deve condensare tutta la storia (la cosiddetta “piramide invertita”, le cose più importanti subito e man mano che si va avanti si aggiungono i dettagli secondari della storia). Il lettore di un mensile, infatti, legge un articolo o un reportage come se fosse… (continua a leggere).


Corsi online di Scrittura Giornalistica: non perdere l’occasione!

https://goo.gl/forms/LGUvVMtE0msYwkGN2

Il corso ha un livello introduttivo ed è rivolto a chiunque abbia voglia di affacciarsi al mondo del giornalismo in modo pratico. Le nozioni teoriche saranno appena accennate e mantenute entro i limiti essenziali per lo svolgimento degli esercizi di scrittura. Alla fine del corso, se tutti gli esercizi saranno stati completati, verrà rilasciata una lettera di partecipazione.

1 Commento

Archiviato in freelance, giornalismo, scrittura

Verso il giornalismo freelance

Questo blog è stato dormiente per qualche tempo. I commenti e le reazioni, però, non sono mancati: c’era chi leggeva queste pagine, suggeriva, criticava, complimentava. I toni dei commenti e le statistiche hanno rivelato l’interesse principale dei lettori e l’ago della bilancia ha finito per puntare sul giornalismo freelance.

Se finora il blog era troppo eterogeneo dal punto di vista dei contenuti, adesso si stringe il campo. Non so se manterrò i vecchi post su altri argomenti, ma proverò a essere il più coerente possibile con quello che chiedono in molti: consigli su come fare il giornalista, su come scrivere per i giornali, su come contrattare la propria retribuzione, su come impostare un pezzo, su come organizzare la propria attività di scrittori freelance.

Ovviamente, per scrittori, non intendiamo romanzieri ma gente che ha voglia e talento per raccontare una storia vera.
Non dimenticare di visitare anche http://pennetulipani.blogspot.com/

10 commenti

Archiviato in scrittura

Giornalista freelance: la proposta editoriale (3/3)

Meglio contattare il caporedattore al telefono o scrivere una lettera? Meglio una lettera o un’e-mail?

Questi sono i primi dubbi che si pone l’aspirante freelance. Data la timidezza iniziale, generalmente si opta per l’ultima soluzione, che poi è quella meno efficace (a meno che non si abbia un’idea esplosiva).

Un’idea timida, infatti, può essere discussa con più efficacia al telefono, perché il quel caso il caporedattore… (continua a leggere)


Corsi online di Scrittura Giornalistica: non perdere l’occasione!

https://goo.gl/forms/LGUvVMtE0msYwkGN2

Il corso ha un livello introduttivo ed è rivolto a chiunque abbia voglia di affacciarsi al mondo del giornalismo in modo pratico. Le nozioni teoriche saranno appena accennate e mantenute entro i limiti essenziali per lo svolgimento degli esercizi di scrittura. Alla fine del corso, se tutti gli esercizi saranno stati completati, verrà rilasciata una lettera di partecipazione.

26 commenti

Archiviato in giornalismo, scrittura

Comprare l’informazione

La politica compra spazi pubblicitari su un quotidiano e il quotidiano ringrazia la politica a modo suo, dando spazio in prima pagina alle stupidaggini di chi ha pagato.

E’ il caso dell’Mpa di Raffaele Lombardo e il quotidiano La Sicilia, che il 5 giugno 2008 mostra in prima pagina due manchette elettorali dedicate al movimento autonomista. Pochi centimetri più in basso, lo stesso giornale dedica un titolo di apertura al presidente della Regione Siciliana, che prima terrorizza i lettori avvertendoli del rischio che in Sicilia accada quello che è successo a Napoli con i rifiuti, e poi sollecita la costruzione di dieci inceneritori sull’isola.

La soluzione di Lombardo è eccezionale, in quanto auspica per il popolo siciliano una bella boccata di aria sporca e cancerogena al posto di un’intossicazione per il mancato e corretto smaltimento dei rifiuti.

Per sovrabbondanza, il quotidiano catanese regala a Silvio Berlusconi, amico e alleato politico di Raffaele Lombardo, un editoriale di Tony Zermo (uno che ha la lingua lunga).
Una volta gli editoriali erano scritti da gente seria che costruiva delle analisi politiche attente e scrupolose; oggi quello spazio è occupato da veline suggerite dalla politica e testi di propaganda elettorale.

Lascia un commento

Archiviato in giornalismo, politica

Se lo stupratore è romeno

Il Corriere della sera, “prestigioso e autorevole” quotidiano nazionale, lascia che a riempire le sue pagine siano degli incompetenti. Pur di conquistare l’attenzione del lettore si inventa la notizia, urlando nel titolo qualcosa che, appena qualche riga più avanti, viene smentita.
In questo modo un tentativo di aggressione alla psicologa che visita in carcere uno stupratore passa per un’aggressione vera e propria.
Siamo tutti d’accordo che gli stupratori non meritano il nostro rispetto, ma la legge ci obbliga a trattare ogni persona “presumendo” che sia innocente fino al momento in cui un tribunale non abbia dimostrato il contrario.
Il giornalista che ha compilato il testo ha suggerito surrettiziamente ai lettori che il cittadino rumeno abbia commesso una seconda aggressione a distanza di poche ore dalla prima e sempre ai danni di una donna. Poi si contraddice e afferma che si è trattato di un tentativo di aggressione, senza peraltro spiegare, indagare e soffermarsi su come sia avvenuto questo tentativo.
Certe notizie, date così alla leggera (o addirittura col preciso intento di deformare la realtà) possono influenzare non solo l’opinione pubblica nei riguardi dei cittadini provenienti dalla Romania, ma anche un eventuale giudice che legge l’articolo e che poi cova un inconscio pregiudizio nel momento di deliberare.
Il cronista avrebbe riportato la notizia se lo psicologo fosse stato un uomo? E poi, perché sottolineare la nazionalità del presunto stupratore? Per quanto rigarda l’accaduto, infatti, la nazionalità non era più rilevante del colore dei capelli del sospettato.

1 Commento

Archiviato in giornalismo